Menu
Città di LecceCittà di Lecce
Home > News > Dettaglio

Bando pubblico per l’individuazione dei componenti delle consulte comunali

Consulte Comunali

Il Comune di Lecce in attuazione delle disposizioni previste negli artt. 34 (Organismi di partecipazione e consultazione) e 39 (Consulte) dello Statuto Comunale e secondo le modalità attuative del relativo Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.61 del 21 giugno 2018, intende procedere alla costituzione ed insediamento delle “Consulte Comunali”.

Le consulte cittadine costituiscono una forma di democrazia partecipativa attraverso la quale i cittadini diventano cittadini attivi nell’amministrazione del territorio e della comunità. Esse sono finalizzate a rappresentare le Associazioni iscritte negli appositi registri, il volontariato, le categorie professionali, le organizzazioni sindacali, Enti ed Istituzioni varie per integrare ed arricchire le proposte degli Organi Comunali. 

Le consulte, nelle materie di competenza ed ai sensi dell’art. 39 dello Statuto: 

  • esprimono pareri preventivi e non vincolanti richiesti dagli uffici competenti nella fase di predisposizione degli atti di programmazione comunale; 
  • possono presentare proposte ed iniziative nelle materie di competenza. 

Alle Consulte possono partecipare i rappresentanti delle associazioni iscritte nell’apposito albo comunale ed in regola con le norme ivi contenute, i rappresentanti di Enti, Istituzioni, Ordini Professionali e Organizzazioni Sindacali. 

Le Consulte sono composte fino ad un massimo di quindici componenti ognuna e restano in carica per la stessa durata del Consiglio Comunale. La partecipazione avviene a titolo gratuito. 

Sono previste quattro consulte comunali, ognuna delle quali rappresenta una macro area di aggregazione di altrettanti ambiti tematici, di seguito  indicate:

  • Prima consulta: Tutela della vita umana, della persona e della famiglia. Servizi socio sanitari, persone in situazioni di tossicodipendenza o altri condizionamenti, persone in situazione di handicap e/o difficoltà di apprendimento, problematiche dell’immigrazione;
  • Seconda consulta: Programmazione sviluppo economico e tecnico scientifico, industria, commercio ed artigianato;
  • Terza consulta: assetto e gestione del territori, ecologia, ambiente e qualità della vita. Organizzazione degli uffici, dei servizi e degli orari delle relative utenze; 
  • Quarta consulta: Pari opportunità, istruzione, cultura, formazione professionale, sport e tempo libero (e problemi dei giovani).

Alle consulte posso far parte, ai sensi dell’art. 4 del Regolamento, i rappresentanti legali o loro delegati dei seguenti soggetti:

  • Associazioni iscritte nell’apposito albo comunale ed in regola con le norme ivi contenute;
  • Enti;
  • Istituzioni;
  • Ordini professionali;
  • Organizzazioni Sindacali.

La presentazione delle domande deve avvenire, con le modalità previste nell'avviso, entro le ore 12.00 del 21 febbraio 2020.

Allegati


24 dicembre 2019