Menu
Città di LecceCittà di Lecce
Home > Aree tematiche > Tasse > Servizi comunali > IMU - Imposta Municipale Unica > Principali novità > Novità IMU 2014

Novità IMU 2014

L’imposta municipale propria non si applica:

  • all'abitazione principale e relative pertinenze (una per categoria C/2-C/6-C/7), ad eccezione dei  fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; 
  • per le unita immobiliari delle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate ad  abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • per gli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi case popolari;
  • ai fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal Decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008;
  • alla casa coniugale assegnata al comuige, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  • ad unico immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente alle Forze armate e alle Forze di Polizia di ordinamento militare e civile  nonchè dal Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco , dala personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;   
  • per i terreni agricoli e i fabbricati rurali (rientrano i terreni destinati all'esercizio delle attività agricole di cui all'art. 2135 del Codice civile e i fabbricati rurali di cui all'art. 13 , commi 4,5 e 8 del D.L. 201/2011 che , se non accatastati nella categoria che ne indica la ruralità devono possedere l'apposita annotazione catastale a seguito dell'attestazione dei requisiti di ruralità).

Gettito allo Stato per i fabbricati ad uso produttivo di categoria catastale “D” e al Comune per intero su tutti gli altri immobili.

Per i fabbricati ad uso produttivo di categoria catastale “D” rimane, in base alla Legge di Stabilita 2013, la ripartizione dell'imposta tra quota Stato e quota Comune

codice tributo (3925) allo Stato, mentre la differenza d'imposta dovuta dalla maggiore aliquota stabilita dal Comune va versata con l'apposito codice (3930) al Comune.

PAGAMENTO DELL'IMPOSTA

L'imposta e dovuta per anno solare proporzionalmente alla quota ed ai mesi di possesso; e computato per intero il mese nel quale il possesso si e protratto per almeno quindici giorni.

Il versamento dell'imposta per l'anno 2013 deve essere effettuato nel seguente modo in due rate di pari importo, di cui:

  • la prima entro il 16 giugno  a titolo di acconto pari al 50% dell'imposta calcolata applicando le aliquote stabilite dal Comune per l'anno 2014 e quelle statali per i soli casi previsti dalla legge;
  • la seconda entro il 16 dicembre a saldo.

L'imposta dovuta deve essere versata utilizzando il Mod. F24

Il modello “F24” puo essere reperito presso gli sportelli di qualsiasi banca ed uffici postali.

Si riportano di seguito i codici da utilizzare per la compilazione del suddetto modello:

CODICE COMUNE: E506

CODICE TRIBUTO:

Comune:

3912 abitazione principale e relative pertinenze

3913 fabbricati rurali ad uso strumentale diversi dai “D”

3914 terreni

3916 aree fabbricabili

3918 altri fabbricati

3930 incremento per fabbricati ad uso produttivo “D”

Stato:

3925 fabbricati ad uso produttivo “D”

Oltre alla modalita di versamento suindicata e possibile il pagamento dell'imposta IMU anche per:

  • compensazione, in sede di dichiarazione dei redditi, con un credito erariale;
  • compensazione, previa autorizzazione da parte dell’ente, con un credito IMU.

PRECISAZIONI
Il pagamento non va effettuato se l’imposta annuale e uguale o inferiore a 12 euro.

Il pagamento il cui termine cade di sabato o di giorno festivo e considerato tempestivo se effettuato il primo giorno lavorativo successivo.

News ed Eventi