Menu
Città di LecceCittà di Lecce
Home > Aree tematiche > Ambiente e tutela degli animali > Servizi comunali > Scarico reflui in depositi temporanei

Scarico reflui in depositi temporanei

COSA
Il deposito temporaneo delle acque reflue non è consentito per nuove costruzioni.

Per insediamenti esistenti alla data di entrata in vigore del regolamento regionale n. 26/2011 e di consistenza fino a 20 A.E., qualora risulti manifesta l'impossibilità tecnica di provvedere all'adeguamento o di realizzare l'impianto di trattamento appropriato conformemente al suddetto regolamento, è possibile prevedere - quale deroga al trattamento appropriato - il deposito temporaneo delle acque reflue.

Il deposito temporaneo dei liquami mediante utilizzo di vasche a tenuta, con estrazione periodica ed idoneo smaltimento degli stessi deve rispettare i sistemi di gestione e le caratteristiche costruttive di cui all'allegato 4 - punto 4.1.

Ai fini della deroga al trattamento appropriato, il produttore del refluo deve inoltrare apposita comunicazione all'Autorità competente. La comunicazione deve essere corredata da relazione asseverata, redatta da tecnico abilitato, comprovante le circostanze tecniche che rendono impossibile l'adeguamento e/o la realizzazione del trattamento secondo le disposizioni del presente regolamento, nonché dalla documentazione indicata nell'Allegato 6. L'Autorità competente, a seguito di verifica, rilascia idoneo nulla osta entro 60 giorni dalla ricezione della medesima. In assenza di pronuncia, il nulla osta si intende acquisito.

Per gli insediamenti esistenti di cui al punto 1. ricadenti in aree che, essendo incluse negli agglomerati individuati nel vigente Piano regionale di Tutela delle Acque, saranno servite da pubblica fognatura, la deroga assume carattere provvisorio, nelle more della realizzazione della rete fognaria. L'efficacia del nulla osta cessa al momento della realizzazione della pubblico fognatura e l'utenza dovrà essere obbligatoriamente allacciato alla stessa, non patendo più essere consentito il deposita temporanea di acque reflue. L'allacciamento dovrà avvenire nei tempi che saranno individuati da/l'ufficio competente e secondo le modalità previste dal soggetto gestore.

Qualora specifiche criticità territoriali rendano impossibile il rispetto delle caratteristiche tecnico-costruttive di cui all'allegato 4 - punto 4.1, è rimessa alle valutazioni dell'Autorità competente l'eventuale rilascio di nulla osta al deposito temporaneo mediante opere con caratteristiche tecnico-costruttive diverse, previo parere di compatibilità igienico-sanitaria dell'ASL territorialmente competente, fermo restando il rispetto delle finalità del presente regolamento e di ogni ulteriore disposizione vigente in materia.

COME
Il cittadino che intende far richiesta di Nulla Osta per gli usi consentiti dalle leggi, deve far richiesta compilando un modulo prestampato, reperibile presso l’Ufficio Ambiente o nella sezione download di questa pagina.
Qualora il rilascio del Nulla Osta ricada nell'ambito dell'endoprocedimento di A.U.A. l'istanza va presentata tramite il portale web istituzionale www.impresainungiorno.it.
La domanda va corredata dai seguenti documenti (in caso di deposito temporaneo delle acque reflue, il produttore del refluo deve inoltrare la seguente documentazione di cui all’allegato 6 al Regolamento Regionale n. 26/2011 e ss.mm.ii).


Documentazione amministrativa

  • Copia del documento di riconoscimento del richiedente;
  • Copia della concessione edilizia, Permesso di Costruire, Concessione edilizia in sanatoria;
  • Documentazione attestante il titolo che consente l'uso dell'area su cui insiste il deposito temporaneo (nel caso di area di proprietà del richiedente l’autorizzazione, può essere presentata un'autocertificazione).
  • Copia dei Formulari smaltimento liquami presso i centri di smaltimento autorizzati;
  • Ricevuta di versamento di importo pari a € 51,65. Il versamento dell’importo di cui sopra, dovrà essere effettuato sull’IBAN IT81O0100516000000000218020 con causale: “Tariffa per rilascio nulla osta deroga deposito temporaneo– Ufficio VIA/VAS”.
Progetto del sistema di deposito temporaneo contenente i documenti sottoelencati (in formato cartaceo e digitale)
 
  • Relazione tecnica asseverata, nella quale siano indicati:
  1. le motivazioni di ordine tecnico che rendono impossibile l’adeguamento e/o la realizzazione di un sistema di trattamento appropriato nonché l'allacciamento alla rete fognaria;
  2. calcolo del carico idraulico e inquinante da stoccare;
  3. dimensionamento della vasca a tenuta stagna;
  4. modalità di smaltimento delle acque reflue stoccate;
  5. compatibilità del sistema di deposito temporaneo con i vincoli gravanti sull'area di intervento.
  • Stralcio foglio catasto terreni con l'indicazione delle particelle catastali interessate da/l'insediamento e dalla vasca di stoccaggio e la localizzazione di opere di captazione delle acque sotterranee esistenti;
  • Stralcio aerofotogrammetria in scala 1:500 indicante collocazione della vasca di stoccaggio e relative coordinate geografiche (secondo il sistema di riferimento/datum WG584 fuso 33N), nonché i vincoli gravanti sull'area di intervento;
  • Planimetria generale, pianta e sezioni del sistema, in opportuna scala.

Accertamento condizioni di assimilabilità (limitatamente agli scarichi di acque reflue assimilabili alle domestiche) contenente i documenti sottoelencati

  • Iscrizione camera di commercio e codice ISTAT dell'attività;
  • Documentazione attestante il verificarsi delle condizioni previste dai commi 2 e 3 dell'art. 3 del regolamento regionale n. 26 del 12.12.2011 e ss.mm.ii.;
  • Relazione contenente le informazioni necessarie a valutare il processo di formazione dello scarico;
  • Referti analitici in numero sufficiente ad attestare la qualità delle acque reflue prodotte nell'arco dell'intero ciclo produttivo ( in caso di impianto esistente o successivamente all'attivazione di nuovo impianto).
Responsabile del Procedimento: 
Geom. Luciano Mangia

CONTATTI
Ufficio tutela dell'ambiente, procedure di V.I.A. e V.A.S.
Email: luciano.mangia@comune.lecce.it
Indirizzo sede: viale Aldo Moro, 30/3

TEMPI
Una volta pervenuta l’istanza, l’ufficio, seguendo l’ordine di arrivo delle pratiche, procede all’istruttoria delle stesse, se non risultano carenze documentali procede al rilascio del Nulla Osta entro 15 - 20 giorni.
La valenza del Nulla Osta è di 4 anni salvo diversa prescrizione dell’Autorità Competente.

COSTI
Per il rilascio dell’attestazione è prevista una tariffa di € 51,65.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO/REGOLAMENTI
  • Regolamento di Igiene e Sanità Pubblica del 28/07/2003
  • D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e ss.mm.ii.
  • Regolamento Regionale n. 26 del 12.12.2011
  • Delibera di Giunta Regionale n. 70 del 09.02.2016

Uffici che erogano il servizio

Ufficio tutela dell’ambiente, procedure di V.I.A. e V.A.S.

Viale Aldo Moro, 30/3

Ubicazione Geografica Uffici

News ed Eventi