Menu
Città di LecceCittà di Lecce
Home > Aree tematiche > Certificati e documenti > Servizi comunali > Rilascio nulla osta e pareri per interventi, impianti e opere all’interno del parco di Rauccio (art. 12 LR 25/2002)

Rilascio nulla osta e pareri per interventi, impianti e opere all’interno del Parco di Rauccio (art. 12 LR 25/2002)

COSA
Tutti gli interventi, le opere e gli impianti da realizzare all’interno del Parco Naturale Regionale "Bosco e Paludi di Rauccio", ai sensi della L.R. 25/2002, richiedono un preventivo nulla osta da parte dell’Ente di gestione. Per il comune di Lecce l’Ente di Gestione si identifica con l’Ufficio Parco, collocato nel settore "Pianificazione e sviluppo del territorio".

COME
Il cittadino che intende realizzare interventi all’interno del Parco Naturale Regionale “Bosco e Paludi di Rauccio” deve presentare istanza all’Ufficio Parco, tramite pec all’indirizzo protocollo@pec.comune.lecce.it oppure con consegna a mano all’ufficio protocollo generale presso la sede municipale di Palazzo Carafa, nei giorni e orari consentiti, con lettera di trasmissione allegando alla stessa i seguenti documenti in due copie cartacee ed una su supporto informatico in formato pdf:

a) Elaborato grafico prodotto su tavola unica, sottoscritto da tecnico abilitato e dal richiedente e composto da:

  • Estratto aerofotogrammetrico in scala 1: 5000 con individuazione puntiforme dell’intervento;
  • Estratto P.R.G. vigente in scala adeguata per una chiara visione, con individuazione puntiforme dell’intervento;
  • Estratto mappa catastale in scala 1: 2000 con individuazione dell’intervento ed indicazione dei dati catastali;
  • Ortofoto con localizzazione dell’intervento;
  • Rilievo completo dell’area di intervento, con indicazioni  puntuali e metriche oltre che delle costruzioni (distanze, altezze, etc), dell’orientamento e dell’altimetria dei luoghi, nonché dell’ubicazione, del numero e della specie delle colture presenti, delle essenze vegetali presenti, degli elementi antropici e seminaturali del paesaggio agrario con alta valenza ecologica e paesaggistica ed in particolare dei muretti a secco, dei terrazzamenti, delle specchie, delle cisterne, dei fontanili, delle siepi, dei filari alberati, di aie, dei pozzi, dei pascoli e delle risorgive;
  • Piante, prospetti e sezioni dello stato di fatto e di progetto dell’intervento in scala non inferiore a 1: 100, con individuazione a colore o a retino delle modificazioni previste sull’eventuale preesistenza;
  • Rendering dell’intervento che rappresenti il suo inserimento nel contesto di riferimento;
  • planimetria dettagliata della sistemazione esterna proposta con indicazione puntuale delle essenze vegetali utilizzate (nome scientifico e volgare), delle modalità di trattamento delle superfici non a verde, della recinzione e di ogni altro elemento significativo inserito nell’area;
  • Computo delle superfici e dei volumi ammissibili in rapporto agli indici fondiari prescritti (eventuale);

b) documentazione fotografica – 2 copie – a colori in formato 10 x 15, composta da un minimo di n. 4 foto che rappresenti in maniera esaustiva l’area oggetto di intervento ed il contesto generale, corredata di individuazione planimetrica dei coni visivi;

c) relazione descrittiva degli interventi proposti, contenente specifici paragrafi relativi alla dimostrazione della compatibilità degli stessi con le misure di conservazione di cui al R.R. 6/2016 per gli habitat interessati dal progetto (riportati nella tavola n. 25), nonché con le norme di salvaguardia di cui alla L.R. 25/2002 e con i regolamenti del Parco eventualmente approvati;

d) relazione di compatibilità idraulica per gli interventi da localizzare nelle aree a suscettibilità agli allagamenti di cui alla tavola 23B e/o relazione di compatibilità geomorfologica nelle aree a suscettibilità ai fenomeni di dissesto di cui alla tavola 23C, entrambe a firma di tecnici abilitati alla redazione delle stesse;

e) relazione ed elaborato grafico descrittivo in scala opportuna relativi al calcolo dell’indice di permeabilità prima e dopo l’intervento, calcolato ai sensi del corrispondente criterio del Protocollo Itaca Puglia vigente al momento della presentazione “Permeabilità del Suolo”;

CONTATTI:
Ufficio Parco
Indirizzo: Viale Marche, 1 - Palazzo Ex O.N.M.I.
Responsabile: Dott. Biol. Antonio De Rinaldis

tel: 0832.682039 
Fax: 0832.682039

e-mail: antonio.derinaldis@comune.lecce.it
P.E.C.: protocollo@pec.comune.lecce.it 


ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO:

Emergenza covid-19: per gli orari di apertura al pubblico e per fissare un appuntamento con i tecnici si consultinonuovi orari apertura.



TEMPI
Il nulla osta viene rilasciato per le richieste complete di tutta la documentazione di cui al punto precedente, entro trenta giorni dalla richiesta dello Sportello Unico.

COSTI
Versamento di € 51,65 da effettuarsi mediante bonifico bancario su IBAN IT81O0100516000000000218020 – BNL Lecce, recante il nominativo del richiedente e causale:  “Tariffa per rilascio parere in area Parco”.
N.B. dopo la cifra 81 c'è una lettera O e non zero.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO/REGOLAMENTI
Legge regionale 25/2002
Determinazione 235 del 22.06.2017

Uffici che erogano il servizio

Ufficio Parco

Viale Marche, 2
Palazzo ex O.N.M.I. - piano terra
Ubicazione Geografica Uffici
News ed Eventi