Menu
Città di LecceCittà di Lecce
Home > Aree tematiche > Imprese > Servizi comunali > Nulla osta ai fini della prevenzione dell’inquinamento atmosferico e acustico

Nulla osta ai fini della prevenzione dell’inquinamento atmosferico riveniente dai pubblici esercizi e similari

COSA
Il cittadino può far richiesta di rilascio di un nulla osta ai fini della prevenzione dell’inquinamento atmosferico ed acustico riveniente dai pubblici esercizi e similari (sistemi alternativi – centralina a carboni attivi).
Per Inquinamento atmosferico si intendono tutti quegli agenti fisici (particolati), chimici e biologici che modificano le caratteristiche naturali dell'atmosfera.
Il relativo nulla osta e/o autorizzazione verrà rilasciato a seguito dell'acquisizione del parere del dipartimento competente dell'ASL Lecce.

COME
Il cittadino che intendere far richiesta di tale nulla osta, deve presentare istanza tramite il portale web istituzionale www.impresainungiorno.it.

A tale richiesta vanno allegati:
  • relazione tecnica e progetto dell’impianto di aspirazione e abbattimento fumi, contenente l’indicazione della tecnologia adottata per prevenire
  • l’inquinamento, schede tecniche e relazione di manutenzione, il tutto a firma del progettista;
  • planimetria della zona interessata, riportante, tutte le apparecchiature che nello svolgimento dell’attività producono gas, fumi, vapori ed odori;
  • copia in corso di validità del documento d’identità del richiedente;
  • attestazione del dirigente del Settore Urbanistica, dalla quale risulti accertata e dimostrata l’impossibilità di adeguamento del su citato locale ai sistemi previsti dall’art. 73 del regolamento di Igiene e Sanità pubblica approvato dal C.C. in data 28/07.2003;
  • relazione previsionale di impatto acustico a firma di un tecnico esperto in acustica ambientale iscritto negli appositi albi regionali e/o provinciali, redatta ai sensi della L. 447/95 e DPCM 14/11/97, L.R: 03/02 ed art. 181 del Regolamento d’Igiene e Sanità Pubblica;
  • attestazione dell’ avvenuto versamento alla tesoreria comunale di Lecce della somma di €. 155,00 con causale “Tariffa per rilascio parere – Ufficio VIA.”, quale condizione di procedibilità della domanda. Il versamento può essere effettuato presso BNL agenzia di P.zza S. Oronzo, sull’IBAN IT81O0100516000000000218020.
Responsabili del procedimento: 
Geom. Luciano G. Mangia 

CONTATTI

Ufficio tutela dell'ambiente, procedure di V.I.A. e V.A.S.
Indirizzo: viale Aldo Moro, 30/3
Email: luciano.mangia@comune.lecce.it

TEMPI
Una volta pervenuta l’istanza l’ufficio, seguendo l’ordine di arrivo delle pratiche, procede all’istruttoria delle stesse, se non risultano carenze documentali procede al rilascio dell’autorizzazione e/o del parere preventivo richiesto nel giro di 15 – 20 giorni fatto salvo il rilascio del parere ASL.
La validità del nulla osta permane salvo variazioni strumentali, titolarità, ecc.

COSTI
la richiesta ed il rilascio del Nulla osta sono esenti da bollo.
tariffa rilascio Nulla Osta € 155,00.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO/REGOLAMENTI
  • Legge 30/04/1962 n. 283
  • D.P.R. 26/03/1980
  • Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152
  • Legge 26/10/95 n. 447 "Legge quadro sull'inquinamento acustico"
  • D.M. Ambiente 1/12/96 "Applicazione del criterio differenziale per gli impianti a ciclo produttivo continuo"
  • D.P.C.M. 14/11/97 "Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore"
  • D.P.C.M. 5/12/97 "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici
  • Decreto Legislativo del 10/04/2006, n. 195, "Attuazione della direttiva 2003/10/CE relativa all´esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (rumore)" (G.U. n.124 del 30/05/2006)
  • D.P.C.M. 16/04/99 n. 215 "Regolamento recante norme per la determinazione dei requisiti acustici delle sorgenti sonore nei luoghi di intrattenimento danzante e di pubblico spettacolo e nei pubblici esercizi"
  • L.R. 12 febbraio 2002, n. 3 “Norme di indirizzo per il contenimento e la riduzione dell'inquinamento acustico”
  • Decreto Legislativo del 15/08/1991, n. 277, "Attuazione delle direttive n. 80/1107/CEE, n.82/605/CEE, n. 83/477/CEE, n. 86/188/CEE e n. 88/642/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro, a norma dell´art.7 della legge 30/07/1990, n. 212" (G.U. 27/08/1991, serie g. n. 200) e successivi aggiornamenti e integrazioni
  • D.P.C.M. 1/03/91 "Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno"

Uffici che erogano il servizio

Ufficio tutela dell’ambiente, procedure di V.I.A. e V.A.S.

Viale Aldo Moro, 30/3
Profili utente

Ubicazione Geografica Uffici

News ed Eventi